Mole24: “Apre a Torino Casa Goffi, il nuovo drink bar ai piedi della collina torinese “

Mole24 racconta, in uno dei suoi ultimi articoli, di una nostra nuova iniziativa. Nel cortile di Eragoffi nasce infatti il nostro drink & picnic bar. Si chiama CasaGoffi e la sua cucina sarà curata dal nostro Chef Lorenzo Careggio. Nel nuovo locale porterà le costine alla brace: uno dei suoi piatti forti, che verrà accompagnato da birre e cocktail.

Si tratta di un locale informale, estivo, che vuole portare una ventata di freschezza data la mancata riapertura dei Murazzi e dei locali siti al Valentino.

Per descriverlo, citiamo quanto apparso nell’articolo pubblicato da Mole24:

“L’apertura di Casa Goffi porterà una ventata di aria fresca tra i locali della città e sarà una bella novità per tutti i frequentatori della zona vicino al fiume, rimasti orfani dei tanti locali chiusi al Valentino come il Life, il Club 84, il Fluido e diversi altri, nonché dei Murazzi.”.

Continua a leggere

Travel To Taste: “EraGoffi, il ristorante dove è sempre primavera”

Federica Giuliani racconta Eragoffi in maniera suggestiva. Sulla pagina di Travel To Taste narra dei suoi albori, lì dove – ai tempi di Goffi del Lauro – i pescatori facevano friggere il pesce appena pescato e gli appassionati di lirica si ritrovavano. Era la fine dell’Ottocento , e Goffi era nella sua incarnazione originaria: quella di una piola ai piedi della collina, dove si trova tutt’oggi. Completamente rivisitata.

Oggi, ma lo sapete, si chiama EraGoffi e piola ormai non lo è più: ne rendiamo omaggio ricordando la sua prima incarnazione nel nome, ma ne abbiamo vivacizzato l’ambiente, con un “layout più moderno e raffinato”.

Federica Giuliani racconta la cucina del nostro Chef Lorenzo Careggio così:

“Propone una cucina fatta di pochi ingredienti semplici: lo scopo è quello di ottenere preparazioni gourmet partendo da materie prime selezionate e insolite, ma non pretenziose.”.

Continua a leggere

Italia a Tavola: “Verdure atipiche, erbe aromatiche Cucina di ieri e di oggi da EraGoffi”

Piera Genta racconta la cucina di Lorenzo Careggio, dopo la sua visita delle scorse settimane. In un articolo che vuole essere un suggestivo ex cursus sul passato del nostro locale – lo storico Goffi Del Lauro – Piera Genta descrive in maniera estremamente elegante non solo la location e la nostra cantinetta, ma soprattutto la filosofia del nostro Chef.

“Le verdure, anche insolite, come le foglie di senape scoperte sui banchi dei contadini del mercato di Porta Palazzo e le erbe aromatiche che coltiva nell’orto di famiglia, sono ingredienti che non mancano mai nei suoi piatti”.

Continua a leggere

Lavinium: “C’è Fermento nelle cucine di Torino”

Mai come in questo periodo la nostra città può vantare un’offerta culinaria così varia e di qualità. Il movimento è in fermento e non è passato certo inosservato agli occhi degli addetti ai lavori e degli stessi avventori, che frequentano assiduamente le realtà già consolidate e le nuove aperture. Fra queste, ovviamente, anche la nostra, che viene raccontata in maniera approfondita da Luciano Pavesio di Lavinium:

“Da diversi mesi il movimento gastronomico di Torino sta andando decisamente controcorrente rispetto all’andamento cittadino. (…) In questa atmosfera di fermento gastronomico uno spazio di assoluto rilievo lo merita l’opera di riportare alla luce e allo splendore un ristorante che fa parte della storia di Torino come il Ristorante Goffi De Lauro di Corso Casale”.

Continua a leggere

Gazzetta del Gusto: “Metti tre amici a cena ed è…Eragoffi!”

Un incipit che ricorda l’inizio di una favola, e che al contempo racconta da dove partiamo. “C’era una volta a Torino il Goffi, celeberrima osteria sul Po. Di quelle dove trovavi la frittatina alle erbe e il bollito misto e dove nella bella stagione mangiavi all’aperto, in mezzo ai lauri fioriti”.

Ma quella che viene raccontata, lo dice la stessa Silvia Fissore, è un’altra storia.

“Braccio, mente e cuore di questo nuovo ristorante gourmet sono tre giovani torinesi, che hanno rilanciato una storica trattoria puntando su una cucina semplice nei contenuti ma di altissimo livello per qualità ed esecuzione.”.

Continua a leggere

CucinaCorriere.it: “Aspettiamo con entusiasmo l’apertura di «Casa Goffi»”

CucinaCorriere.it, in un interessantissimo articolo pubblicato nei giorni, racconta le 11 nuove aperture torinesi da provare assolutamente. E su CasaGoffi esordisce così:

“Si sentirà la mancanza, durante l’estate torinese, dei locali in riva al Po: alcuni hanno chiuso, ad altri (almeno per il momento) non sono state rinnovate le concessioni. Per questo aspettiamo con entusiasmo l’apertura di «Casa Goffi»”.

Continua a leggere

Corriere della Sera: “Picnic sul Po, al bistrot «CasaGoffi» si banchetta in riva al fiume”

CasaGoffi, il nuovo luogo dedicato al gusto sul Po. L’affiatato team di EraGoffi aprirà nel giro di un mese il nuovo punto di incontro sul fiume all’insegna di grigliate, picnic d’autore e cocktail. Ce lo racconta sul Corriere Simona De Ciero, che esordisce così:

῎L’intrattenimento torna sul Po. Sull’altra sponda del fiume però. E cioè all’altezza del civico 117 di corso Casale. Dove lo scorso ottobre tre giovani soci hanno riaperto lo storico ristorante Goffi Del Lauro, ribattezzandolo EraGoffi.”.

Continua a leggere

La Repubblica: “Eragoffi, un ristorante elegante dal grande passato”

Là dove c’era l’erba ora  c’è…

῎Un ristorante elegante dal grande passato””.

Continua a leggere

Dicono di Noi: La Stampa, il parere di Rocco Moliterni

Non ce lo saremmo aspettato, domenica mattina, di trovarci pubblicati su La Stampa di Torino. Eppure è successo. E’ stata davvero una graditissima sorpresa leggere, quindi, l’opinione positiva di Rocco Moliterni, venuto a cena da ERAGOFFI in assoluto anonimato. Il giornalista e critico gastronomico, storica penna del quotidiano torinese, nel suo articolo ha così commentato il nostro Chef Lorenzo Careggio:

“A ben disporvi sarà, appena vi sedete, l’amuse-bouche: uno strepitoso cavolo rapa imbevuto di vermouth (a me ha ricordato un dessert di melone bianco sempre al vermouth, gustato in un ristorante madrileno). Sono solo tre cubetti, ma vi fanno scommettere sul futuro dello chef”

Continua a leggere